La sinistra italiana che vive di luce riflessa

25 Gennaio 2015, in Grecia Syriza vince le elezioni politiche. Il partito di sinistra guidato da Alexis Tsipras prende il 36,3% e per soli due seggi non raggiunge la maggioranza assoluta. Una vittoria sull’onda di “lacrime e sangue” imposte dalla Troika al Paese ellenico. La Grecia ha subito politiche di feroce austerità a seguito dei prestiti di 110 miliardi di euro nel 2010 e di altri 130 miliardi nel 2012. Una cifra stratosferica che difficilmente si riesce ad immaginare. Questo ha significato per il popolo greco subire un prelievo forzoso sui conti correnti, l’innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni, tagli alla sanità, nuove tasse, e tutto per poter ripagare quello che gli è stato prestato. Non entro nel merito economico, ma prendo atto che queste politiche hanno portato al governo un partito nato nel 2004 dall’unione di sinistra democratica, ecologisti e comunisti. Il partito di Tsipras ha un programma specifico, sa quello che vuole e guarda avanti chiedendo rispetto da quest’Europa troppo germanocentrica.

C’è chi vive di luce riflessa questo trionfo: la sinistra italiana. Solo a nominarla fa ridere, visto che il PD ha ormai perso la sua identità socialista, anche se i vertici dicono il contrario, nonostante i fatti si scontrino coi loro proclami. Poi c’è la fronda minoritaria del PD, quella che fa opposizione a se stessa per intenderci. Relegati ad essere un partito nel partito, ma senza il coraggio di uscirne, altrimenti è il suicidio. Infine c’è SeL, dove i vertici hanno festeggiato la vittoria del partito di sinistra ellenico manco se fossero loro ad aver vinto le elezioni ed andare al governo. Questi “comunisti con il partito degli altri” in Italia hanno demolito la sinistra per la loro mancanza di idee e proposte. Il partito del “no a prescindere” viveva di luce riflessa nell’era berlusconiana, sempre contro, senza mai una proposta, e ora vive di luce riflessa della vittoria greca.

C’è una bella differenza: in Grecia la sinistra ha vinto perché è credibile, ha idee e sa parlare al popolo. Qui in Italia sono seduti nei salotti, sorseggiando Barolo del ’97, compiacendosi dei risultati di Syriza e aspettando la rivoluzione del popolo italiano.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...