L’attenuante di essere italiano

Fino a oggi si è trattato di un sentimento che abbiamo visto manifestarsi perlopiù su alcuni siti popolari, tipo catenaumana o Imolaoggi, ma le sue crescenti dimensioni ci obbligano a comprenderlo, anche perché non si può liquidare un fenomeno che raccoglie migliaia di like come uno stupido esempio di razzismo. Ci devono essere dei fondamenti logici e se uno ci riflette con spirito scevro da pregiudizi, i fondamenti logici li trova.

Un immigrato stupra una ragazza è una notizia che indigna tutti quanti e provoca un’enormità di commenti, molti dei quali si dilungano sulle punizioni più fantasiose che potrebbero essergli inflitte (e già questo dettaglio ci dice che siamo di fronte a gente che pensa). Un italiano stupra una ragazza, invece, è una notizia che provoca reazioni più equilibrate, si cerca di capire di che tipo di ragazza si tratti e quanto il suo comportamento possa aver inciso. Un immigrato ubriaco investe un pedone e scappa è pure una notizia che indigna, meno della precedente certo, ma indigna pure, perché non se ne può più di immigrati ubriachi che investono pedoni e scappano. Invece, Un italiano ubriaco che investe un pedone e scappa è una notizia fino a un certo punto, perché tanta gente muore sulle strade tutti i giorni e bisogna sempre capire l’esatta dinamica dei fatti.

Si dirà che negli esempi riportati anche l’italiano come l’immigrato sta violando la legge, ed è vero, ma è anche vero che se diversa è la reazione popolare vuol dire che diverso è il fatto, perché a casa propria uno è padrone di violare la legge più di quanto lo sia un ospite. Per dire, a casa mia posso pure rompere un vaso di cristallo perché sono nervoso, ma non è la stessa cosa se per lo stesso motivo lo rompe uno che ho invitato a cena. Un immigrato impazzito che comincia a colpire a colpi d’ascia i passanti e un italiano impazzito che comincia a sparare dal balcone sui passanti non sono la stessa cosa, è inutile girarci intorno, perché uno a casa propria ha più diritto di impazzire di quanto non ne abbia uno che a casa propria non è. A meno che non si pretenda che per impazzire uno se ne vada una settimana in Messico o a fare una crociera ai Caraibi.

Insomma, se la logica nel mondo di Renzi ha ancora un senso, non si può permettere che catenaumana e Imolaoggi ci informino e resistano da sole, ma bisogna regolare la questione, bisogna dare a questo sentimento una dignità normativa, e il modo più lineare per farlo (e Salvini prima o poi se ne dovrà fare interprete) è quello di punire il delitto tenendo conto di chi l’ha commesso, introducendo l’attenuante di essere italiano.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...