Amministrative 2016. Al solito vincono tutti.

maxresdefault

I social network hanno reso insopportabile il giorno dopo le elezioni.

Per chi vi ha bazzicato, la rete è stata una sequela inverosimile di sparate, accuse, insulti, rattoppi, boutade e anche diverse “boutadanade” (per citare un vecchio adagio della Gialappa’s).

Accendere la tv faceva solo venire voglia di lanciarla dalla finestra.

Ad urne chiuse poi è partita la pletora di raffinatissime analisi da parte delle forze politiche.

Renzi che cerca di minimizzare per ovvie ragioni: il PD non è andato come sperava il Presidente del Consiglio.

Il Centro-destra che mastica amaro per il risultato di Roma e Torino ma spera ancora a Milano.

Il Movimento 5 Stelle che vaneggia sostenendo di essere il partito più votato d’Italia (secondo quale studio?).

Ad oggi, a mia conoscenza (ma non escludo la possibilità di essere smentito) la più autorevole analisi sul voto l’ha fatta l’Istituto Cattaneo qui .

I dati sembrano suggerire

  • un PD in sostanziale stallo a livello nazionale (un punto percentuale circa in più rispetto alle scorse politiche ma sceso di molto se si considerano le amministrative del 2011)
  • un Centro-Destra (laddove si è presentato unito) che invece cresce rispetto alle politiche del 2013 (ma con notevoli eccezioni in città importanti) e che però è lontano dai numeri delle scorse amministrative
  • un Movimento 5 Stelle in flessione (meno 4 punti percentuali) rispetto alle politiche ma chiaramente cresciuto dal 2011

Ora, siccome nessuno può dire di aver vinto, ecco che tutti dicono di aver vinto.

Follia? No. E questa non è Sparta, è la politica baby.

L’unica cosa che cresce è l’astensione e (pare quindi) la disaffezione per la politica, come si vede anche consultando altri dati (qui) che mostrano i flussi elettorali.

Insomma, una crisi della politica (e della partecipazione alla stessa) che nessuna forza pare riesca a fermare.

Ora vediamo che succede ai ballottaggi del 19 Giugno.

Perché se è vero che i voti vanno contati, e che le amministrative non sono le politiche, è anche vero che conquistare certi luoghi rimane un gesto simbolico politicamente importante.

Simboli che potrebbero, in futuro, fare la differenza e modificare la lotta in vista del prossimo appuntamento elettorale di ottobre: il referendum.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...